Operazioni di Spoglio Sospese

di Vito Faenza

Mi sento più giovane! Lo spoglio per l’elezione dell’Ordine degli avvocati di Napoli Nord mi ha tolto 22 anni di vita, mi ha riportato ai mei 48 anni (invece dei 70 che ho). Infatti leggendo, sentendo, ascoltando quello che è successo per lo spoglio sono tornato al 1987 quando si trovarono schede elettorali votate con la penna biro, verbali che non coincidevano con le schede scrutinate (episodio riportato anche nel “Portaborse” il film di Moretti). Si stata per annullare tutte le elezioni e votare di nuovo se non che i partiti assolsero se stessi, anche perché a Marcianise alcune centinaia di migliaia di schede elettorali furono date alle fiamme e neanche un riconteggio era possibile.

Che bei tempi per me e per i giornalisti di giudiziaria: avevamo da scrivere tanto. Poi i personaggi da intervistare erano molti: il procuratore, i sostituti che indagavano, alcuni avvocati. Poi i politici: Craxi, Napolitano, Pannella e così via, passando per Alfredo Vito che di preferenze senza biro ne aveva avute 100mila e da quel giorno lo chiamammo tutti “mister centomila”. Bei tempi. L’imbroglio palese e mai perseguito però ebbe i suoi effetti. La circoscrizione Napoli Caserta venne smembrata (per evitare ulteriori incendi di schede e ora una circoscrizione è quella napoletana, un’altra copre la Campania). Brogli ce ne furono ma non per colpa della commissione elettorale circoscrizionale, mi dissero i Pm che indagavano, tantomeno del presidente (come in questo caso mi verrebbe da aggiungere). Chi fece brogli sulle schede e sui brogliacci furono semplici impiegati, qualche candidato di terza fila anche se non venne  individuato in maniera precisa e quindi perseguito.

Devo dire che poi abbiamo avuto nuova vita, qualche anno dopo, con la “scheda ballerina”. Cosa ben più recente e meno eclatante, visto che quel modo di votare è delimitato a quella zona che tutti ora chiamano “Gomorra” e che interessa parte consistente dei centri che sono di competenza del tribunale di Napoli Nord. In questo caso il nodo della questione erano schede elettorali timbrate e sparite e poi immesse nell’urna. Spero, che essendo un’elezione per l’ordine degli avvocati, non sia accaduto anche in questo caso e che non ci siano schede sparite e poi votate. Comunque sia andata avremo di che parlare anche se questo episodio non mi ha fatto ricrescere i capelli e non mi ha fatto ringiovanire. Purtroppo.

© 2017- P.Q.M. Periodico

Please publish modules in offcanvas position.