Con pubblicazione in G.U. nr.168 del 20 luglio, sono entrate in vigore le nuove disposizioni sull'elezione dei componenti dei consigli degli ordini circondariali forensi, approvate con Legge 12 luglio 2017, n. 113. La nuova normativa cancella la possibilità, prevista dal regolamento di attuazione dell' art. 28 della Legge 31 dicembre 2012 n. 247, che aveva introdotto il voto di lista e cioè la possibilità di votare, mediante un solo simbolo, una aggregazione di avvocati. Quindi, si ritorna all'antico e si riafferma il principio a suo tempo fissato dalla Corte Costituzionale, con ordinanza 20 giugno 2002, n. 260, nel quale si affermava : "non sussiste alcuna divisione formale dei candidati in liste e l'intuitus personae viene a costituire il solo elemento giuridicamente rilevante... (che imprime) alla votazione un carattere fortemente personalistico". Si evidenzia come tale principio è ribadito nella medesima Legge, la quale all'art. 8 recita testualmente : "Gli avvocati possono presentare esclusivamente candidature individuali". L'art. 4 della nuova Legge chiarisce, che il limite massimo dei voti, non superiore ai due terzi dei consiglieri da eleggere, è comunque invalicabile, anche se le candidature presentate appartengano a entrambi i generi. Nel caso delle prossime elezioni del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Napoli Nord, il numeri dei componenti del Consiglio sarà di 21, pertanto, il numero massimo di preferenze esprimibili sarà di 14, mentre il numero massimo di preferenze esprimibili per singolo genere sarà di 9 e, nel caso siano state espresse tutte le preferenze esprimibili, il numero minimo di preferenze di genere sarà pari a 5. 

Giuseppe Mattiello

© 2017- P.Q.M. Periodico

Please publish modules in offcanvas position.